Ricerca qui i tuoi cataloghi
CATALOGHI PRESENTI 31
CATALOGHI SFOGLIATI 91060
I CITTADINI ONESTI SALVAGUARDINO LE LORO LIBERTA´

Dopo Parigi sembra che i cittadini onesti debbano essere limitati nel possesso di armi semiautomatiche. I terroristi non siamo noi!!

La mattina del 7 gennaio 2015 terroristi hanno attaccato Charlie Hebdo, con armi da fuoco automatiche, non registrate e illegali.

Da allora l'Unione europea sta preparando una nuova legislazione per vietare le armi semi-automatiche nelle mani di onesti cittadini europei. Anche se queste armi non sono state utilizzate da terroristi e non sono nemmeno in genere utilizzati dai criminali.

Questi usano armi non registrate, non rintracciabili acquistate al mercato nero .

La nuova legislazione è stata nel dimenticatoio da aprile 2015, è ritornata alla superficie ora il 18 novembre, appena cinque giorni dopo un secondo attacco a Parigi.

Le vittime di questa tragedia non sono ancora state sepolte, i criminali sono ancora a piede libero e la polizia non ha ancora finito le indagini, eppure l'Unione europea ha annunciato misure per prevenire che una cosa del genere non accada di nuovo.

Purtroppo nulla nel progetto avrebbe impedito questi 2 attacchi dal momento che non sono stati fatti con le armi che sono ora legali e sarebbero vietate con questa nuova legge. Niente.

Non è logico e soprattutto è estremamente scorretto.
Non è giusto per vittime, non è giusto per gli onesti cittadini a cui verrebbero sottratti proprietà e passatempi.

Dite di NO al progetto di proposta annunciata il 18 nov 2015.
Non limitare armi semiautomatiche 'perché assomigliano un'arma da fuoco automatica'

Noi cittadini chiediamo che l'UE si concentri sui problemi reali:

- Le frontiere esterne dell'UE non sono protette .
- La nostra popolazione conta gruppi che si rifiutano di allinearsi con i nostri valori fondamentali democratici e la nostra cultura.
- Il commercio di armi illegali è dilagante all'interno dell'UE.
- I criminali e terroristi hanno molta più facilità di accesso ad armi illegali di quanto i detentori di licenza abbiano accesso alle armi legali.

Questa è la situazione attuale e la nuova legislazione non fa nulla per gestire questi problemi.
La bozza IP-15-6110 del 18 novembre per modificare la 91/477/EEC non è solo populista in natura, è anche un insulto per le nostre libertà civili e l'intelligenza dei cittadini dell'UE in generale.

Perciò tutti gli appassionati di armi da caccia e sportive sono tenuti a mettere la propria firma alla petizione cliccando qui >>